In votazione la mozione sulla legalizzazione del file-sharing

Ciao, è passata alla fase di votazione la mozione di Marco Ciurcina sulla legalizzazione del file-sharing. Vi chiedo di votare esplicitamente per la proposta, se lo ritenete opportuno, anche per capire quanto è importante che il partito si impegni seriamente su questo tema. L’impegno per mettere effettivamente in atto questa mozione sarà molto rilevante e riguarderà azioni da fare sia in Italia che in Europa ed è sostanziale che quest’impegno sia stimolato da una vasta partecipazione al voto, altrimenti questa rimarrà una delle (purtroppo tante) decisioni vuote, inutili e velleitarie di questo partito. Nel votate fate anche fede a quei 61.000 cittadini che hanno trovato in questo tema la più rilevante esposizione del Partito Pirata alle ultime elezioni e si attendono che il partito corrisponda alle loro speranze e anche un po’ all’impegno di Marco Ciurcina nell’elaborare questa proposta, che è l’unica proposta politica attualmente sul tavolo del partito con una possibile realizzazione autonoma. Non votate quindi a cuor leggero ma siate consapevoli che il voto è anche una affermazione di disponibilità (ciascuno per come gli è possibile) di contribuire alla buona riuscita di questo obiettivo.

https://agora.partito-pirata.it/initiative/show/6640.html

1 Mi Piace

@exedre, forse ti sfugge che siamo in molti qui a non avere ancora accesso ad agorà.

Stai letteralmente chiedendo fiducia cieca a pirati! Ok che siam guerci, ma di occhi bendati di solito ne abbiamo solo uno! :wink:

Ti andrebbe di condividere il testo della mozione?

Ho discusso con Marco Ciurcina nel merito ed erano emerse alcune criticità sulla questione che andavano chiarite. Per esempio era emerso che la locuzione “Licenza di condividere” era ambigua e Marco mi scrisse che avrebbe corretto la mozione.

Vi erano poi diverse questioni di merito da dirimere, come l’applicazione della licenza al software, o la sua trasferibilità a chi il contenuto lo scarica etc… Si ponevano anche questioni tecniche: per esempio la sua applicabilità a sistemi come BitTorrent.

Dalla chiacchierata era emersa anche un’idea alternativa: una tassa/imposta attraverso la quale pagare gli autori senza porre limiti alla condivisione (limiti che la proposta di Marco prevede, in quanto chi pagasse la “Licenza di Condividere”, potrebbe solo condividere con altri che l’abbiano pagata anche loro).

Insomma, vi sono molte valutazioni tecnologiche e legali da fare prima di lanciarsi in questa avventura, perché il rischio è quello di finire per ridurre la condivisione invece di aumentarla.

Ne avete discusso in Assemblea Permanente? Volete aggiornarci in merito?

Non sarebbe più saggio ragionare sul testo di legge che intendiamo proporre all’Italia e in Europa?

2 Mi Piace

Votato stamani!

1 Mi Piace

Proposal

Promuovere, insieme a TNT Village, la presentazione della seguente proposta d’iniziativa dei cittadini (vedi http://ec.europa.eu/citizens-initiative/public/welcome).

Titolo

Libertà di condividere

Oggetto

Eccezione a diritto d’autore e diritti connessi per persone fisiche che pongono in essere attività di scambio e condivisione di archivi attraverso reti digitali per fini personali e senza scopo di lucro.

Descrizione degli obiettivi

Legalizzare le attività di scambio e condivisione di archivi attraverso reti digitali per fini personali e senza scopo di lucro che includono opere tutelate dal diritto d’autore, diritti connessi e diritto sui generis del costitutore di banche di dati al fine di bilanciare il diritto di accesso alla cultura con il diritto degli autori e degli altri titolari di diritti.

Il Partito Pirata Italiano, tramite il delegato internazionale, contatterà gli altri Partiti Pirata europei proponendo: a breve, di indicare una persona che partecipi alla costituzione del comitato promotore,dal momento della registrazione dell’iniziativa, di contribuire alla comunicazione dell’iniziativa nel proprio paese (raccolta delle dichiarazioni di sostegno ed eventuale campagna di crowdfunding). Inoltre, il Partito Pirata Italiano: a breve, indicherà una o più persone che partecipino alla costituzione del comitato promotore ed individuerà le altre azioni di supporto che si individueranno come fattibili (realizzazione del sito della campagna e della piattaforma di raccolta delle dichiarazioni di sostegno, ecc.),dal momento della registrazione dell’iniziativa, contribuirà alla comunicazione dell’iniziativa in Italia (raccolta delle dichiarazioni di sostegno ed eventuale campagna di crowdfunding).

Reasons

Argument 1

La legalizzazione del file sharing è il tema fondativo ed originario del Partito Pirata ma a distanza di 13 anni il problema resta irrisolto.

Il fatto che in Italia ci sia TNT Village rende naturale che il Partito Pirata Italiano si renda parte attiva per fare in modo che si possa raggiungere questo obiettivo, sollecitando a contribuire anche gli altri Partiti Pirata europei.

Argument 2

Voci dell’accademia e della società civile avevano auspicato che la legalizzazione del file sharing fosse considerata nel processo di riforma del diritto d’autore conclusosi recentemente nell’UE. Ciò nonostante il tema non è mai stato considerato dalla Commissione.

È opportuno sollecitare formalmente la Commissione a prendere una posizione sul tema mediante una proposta d’iniziativa dei cittadini per la legalizzazione del file sharing di opere protette dal diritto d’autore per fini personali e senza scopo di lucro.


Sono dentro! :smiley:

Da oggi sono ufficialmente un Pirata. Un sincero ringraziamento a @solibo per aver perfezionato il mio iter di iscrizione.

3 Mi Piace

Questo significa che da oggi @Shamar sei anche tu un dirigente, ergo smetti di usare la seconda persona plurale e inizia ad usare la prima.

1 Mi Piace

Certo! :smile:

Da oggi noi dibatteremo da pari a pari. :wink:


Domanda: il commento al voto a cosa serve?

sono bestemmie per i posteri (che poi possono sempre essere modificate e LQFB tiene conto solo dell’ultima versione, quindi direi rant purissimo)

A verbalizzare una dichiarazione (che spesso è molto utile, almeno a me, per capire perché hai votato in un certo modo)

2 Mi Piace

Ergo: per capire cosa cazzo ti era passato per la mente due anni prima per aver votato in un certo modo. Come dicevo, bestemmie per i posteri (bestemmianti inclusi).

1 Mi Piace

@Cal e @solibo in questo caso io sono perfettamente d’accordo con ciò che c’è scritto della mozione, ma manca il testo della proposta che si intende promuovere.

Con tutta la fiducia e la stima che nutro per Marco Ciurcina, decidere come la proposta verrà promossa senza decidere prima il contenuto della stessa (o quanto meno la modalità di definizione della stessa) è come mettere il carro davanti ai buoi.

Quali sono le opzioni? E’ possibile emendarla per esplicitare questo aspetto?

Quanto meno si potrebbe rimandare ad una ulteriore mozione la decisione sulla modalità di redazione della Proposta di Legge… è possibile? Se sì dove devo cliccare?

1 Mi Piace

Se è al voto è impossibile emendarla ormai: un’altra proposta avrebbe potuto trovare spazio in verifica (e anche finire al voto con adeguato sostegno). Ora quella è: benvenuto nel mondo di LQFB @Shamar :smiley:

1 Mi Piace

Credo che la proposta dica di formare un comitato che si occupi di scriverla e mantenere i contatti con i resto delle associazioni e col pp-eu, ma non posso (voglio) loggarmi dal telefono per controllare.

Ho riportato il testo della mozione qui.

1 Mi Piace

Allora sì, è poco chiara.

1 Mi Piace

E ribadisco che ObCrypto avrebbe come effetto collaterale che non ci sono più intromissioni esterne quando persone che si conoscono si scambiano dei file, perciò sarebbe più costruttivo per tutti concentrarsi su una PdL già scritta, migliorabile, con obiettivi assai più importanti.

Per questo ho votato contro.

1 Mi Piace