Proposta i6778 - Discussione sezione III - Organi deliberativi e d'indirizzo

Continua la discussione da Discussione sul nuovo statuto (Tematica Statuto e Manifesto #3213):

SEZIONE III – Organi deliberativi e d’indirizzo

Art. 12 – I Congressi

I Congressi stabiliscono gli orientamenti e l’indirizzo politico del Partito, fissandone gli specifici obiettivi e precisandone i settori di attività. Possono deliberare su qualsiasi questione relativa alla vita, all’organizzazione ed alle attività del Partito Pirata.

Possono modificare il Manifesto, lo Statuto e il Regolamento nelle modalità previste dal Regolamento.

Possono delegare funzioni esecutive e/o tecnico-organizzative.

Le mozioni politiche sono vincolanti per gli organi esecutivi e collegiali. I Congressi possono eleggere e revocare gli incarichi (18) di tutti gli organi del Partito secondo le procedure elettorali previste nel Regolamento del Partito e nei Regolamenti del Congresso.

Tutte le attività dei Congressi sono pubbliche.

Le decisioni relative a Statuto, Manifesto, e le mozioni politiche sono assunte con maggioranza qualificata. (19)

Art. 13 – Il Presidente d’Assemblea

I Congressi sono presieduti da una persona indicata dal Congresso che verificare il corretto andamento dei lavori e che ogni proposta in discussione e/o approvata dal Congresso sia coerente con i principî di questo Statuto, del Manifesto e dei Regolamenti in vigore. In caso contrario, notifica al Congresso lo stralcio della proposta in discussione o invaliderà una decisione assembleare presa entro sette giorni dalla sua approvazione o comunque prima della attuazione della stessa.

Le sue decisioni sono appellabili entro sette giorni di fronte al Garante.

In caso di morte o impedimento, le sue funzioni sono assunte dal Pirata più anziano per il tempo strettamente necessario a eleggere il suo sostituto o fino a quando l’impedimento cessi. (20)

Art. 14 – Il Congresso Permanente (Organo deliberativo e d’indirizzo)

Il congresso Permanente è il principale organo deliberativo del Partito riunito in seduta continua secondo le forme e i modi determinati dall’utilizzo della piattaforma tecnologica descritta nel Regolamento.

Tutti i voti avvengono in forma palese.

Il mandato del Presidente d’Assemblea del Congresso Permanente è di un anno. (21)

Art. 15 – Il Congresso Nazionale (Organo deliberativo e d’indirizzo)

Il Congresso Nazionale è convocato nel Congresso Permanente con mozione politica dove è indicato ordine del giorno, data e luogo.

Solo in caso di indisponibilità della Piattaforma, può essere convocato con richiesta firmata da almeno un ventesimo dei Pirati aventi diritto di voto al momento della richiesta.

Deve essere permessa la partecipazione al Congresso Nazionale in forma mediata online, compresa la possibilità di intervenire e presentare e votare mozioni e incarichi.

La riunione è valida qualunque sia il numero dei partecipanti.

Tutti i voti avvengono in forma palese.

Il presidente del Congresso nomina un segretario per supervisionare il corretto processo di registrazione audio della riunione che ha valore legale di verbalizzazione.

Il Congresso Nazionale deve essere convocato almeno una volta all’anno. (22)

questa sezione non mi è chiara interamente.

presumo si voglia superare il concetto di priorità dell’AP (qui Congresso Permanente) rispetto a qualsiasi AO (qui Congresso Nazionale), ma questa equiparazione spiana la strada alla possibilità che venga indetto un CN, vi partecipino in 10 e prendano decisioni con maggioranza qualificata, ma sempre in 10 erano, rispetto ai presenti in CP, presumibilmente molti di più…

è apprezzabile la proposta di avere una partecipazione online, potendo presentare e votare mozioni (anche se è preclusa la possibilità di votare in modo anonimo), però mi pare strano che non vi sia neppure una citazione alla possibilità di delegare un altro Pirata, con un minimo accenno alle modalità: altrimenti sempre i 10 citati qui sopra possono dire di avere anche delle deleghe e non vi è modo di verificarle, ad esempio

Teoricamente questa parte è demandata al regolamento attuativo. Ma la delega deve essere formalizzata in qualche modo presumibilmente. Per esempio notificandola in area apposita.

Mi pare ovvio che le deleghe verranno verificate per regolamento, non è che uno arriva e afferma di avere 20 deleghe: le deleghe sono nominative. Neanche lo statuto attuale riporta questa informazione.

è chiaro… era un aspetto estremo dipendente dall’aver equiparato congresso permanente a congresso nazionale

Trovo assai rischioso ridurre il Gruppo Integrità ad una singola persona. La Presidenza dell’Assemblea come la proposi anni fa non era mai intesa ad essere monocratica.

Non penso che gli organi esecutivi non sono composti da Pirati e lo stesso vale per i Gruppi collegiali ma visto che ci possono essere membri esterni propongo:
“Le Mozioni politiche sono vincolanti anche per i membri esterni negli organi del Partito.”
Propongo di snellire l’Art. 12 e di togliere tutti i riferimenti ripetitivi al Regolamento Elettorale con:
“I Congressi sono l’organo sovrano del Partito.
Stabiliscono gli orientamenti e l’indirizzo politico del Partito, fissandone gli specifici obiettivi e precisandone i settori di attività.
Possono modificare il Manifesto, lo Statuto e il Regolamento nelle modalità previste dal Regolamento.
Possono delegare funzioni esecutive e/o tecnico-organizzative.
Le decisioni relative a Statuto, Manifesto, e le mozioni politiche sono assunte con maggioranza qualificata dei votanti.
I Congressi sono formati da tutti i Pirati iscritti, in regola con la quota di iscrizione annuale.
Le decisioni congressuali sono appellabili entro sette giorni di fronte al Garante.
Le decisioni congressuali sono vincolanti per i Pirati iscritti e per i membri esterni degli organi del Partito.
I Congressi eleggono tutti gli organi del Partito.
Gli organi del Partito sono votati, per preferenze alternative anche negative, con voto palese ed ai valori risultanti viene applicato un metodo proporzionale per mezzo del trasferimento dei valori ai candidati alternativi secondo le procedure del Regolamento Elettorale.

Il testo precedente delinea chiaramente un metodo elettivo rappresentativo sul tipo del Voto Alternativo facilmente derivabile dai dati di una votazione su LQFB. Manca solo una procedura di estrazione il resto è semplice e comunque si presta a elezioni tradizionali nei congressi nazionali. Basta fare un gruppo di lavoro Regolamento Elettorale a cui porterò il mio contributo.

Trovo che un gruppo integrità permanente non serva.
Basta aggiungere una regola.
Il Garante semplicemente porrà entro 7 giorni l’eccezione ed una risoluzione motivata al voto del Congresso Permanente. Credo bastino 7 giorni di discussione ed altrettanti di voto ed in un mese si risolvono i casi più spinosi.

Non mi sembra opportuno, e non credo neppure sia legale, se non sono associati in che modo posso imporre ai membri esterni le mozioni politiche? Oltretutto i membri esterni sono previsti solo in organi con un ruolo “tecnico”, per cui si tratta presumibilmente di giuristi per i probiviri o di commercialisti o figure simili per i revisori.

Ti ringrazio per questo suggerimento: stavo cercando un modo per esprimere il concetto, almeno per gli organi di garanzia e controllo. Credo però che lo metterò i “paletti” per il regolamento elettorale in una sezione apposita.

Al massimo si deve mettere l’elezione singola come ora con Schulze.
Ed applicare quanto sopra agli organi collegiali.

Ma perché se il risultato cercato è un maggioritario puro.
Praticamente si utilizza il Voto Alternativo.

Ne possiamo discutere e comunque propongo un gruppo di lavoro per implementarlo.
Personalmente inizio a prendere dal codice le parti che servono all’estrazione dei dati ed a tradurre in LUA l’elaborazione del risultato.
Nessuna modifica dei dati e solo una pagina in più richiamata da un bottone aggiunto su quella del risultato con Schulze.
Ricerco la fattibilità ma credo sia evidente da subito. Se tutto va bene si manda il progetto funzionante agli sviluppatori di LQFB.

Non serve a nulla nemmeno la frase originale sulla proposta perché le decisioni di un Congresso si possono appellare presso il Garante ma devono essere vincolanti per i pirati anche se non sono tenuti a collaborare ed infine chi non può proprio accettarle deve dimettersi.

per cui agorà dovrà essere aperta a tutti in sola lettura?

anziano come iscrizione o di età anagrafica?

1 Mi Piace