GdL comunicazione: i post su FB a seguito del ban sui social di CP e FN

No, perché il Gruppo di Coordinamento agisce anche motu proprio.

Sì sì… e i GdL integrano le sue decisioni nel proprio processo decisionale… :kissing_heart:

dunque il Partito Pirata è di sinistra? No, fammi capire meglio, che mi sembra una cosa importante questa. Non avevo capito che fosse un partito in area PD o Rifondazione.

Perché forse a sto punto è abbastanza inutile interloquire con le proposte di legge con i partiti che sono in conflitto con il nostro posizionamento a sinistra…

Abbiamo un esperto in comunicazione che ha un sacco di tempo!! @Shamar datti da fare, fai un GdL sulla comunicazione che finalmente ti vediamo lavorare a qualcosa senza il tuo gessetto in mano a segnar sulla lavagna i buoni ed i cattivi

Nel frattempo quei banditi pisani… !

4 Mi Piace

io invece mi ritrovo totalmente in questo articolo…ma ditemelo in tempo se il Partito Pirata è in area estrema sinistra che mi sa che ho sbagliato a capire…

4 Mi Piace

Off-Topic e non sequitur.

Il dialogo può esistere solo fra entità diverse.
(e peraltro, per alcuni, noi siamo diversi… è @exedre a sostenere che “o marxisti-leninisti o libertari, tertium non datur”… ma ciò che dice @exedre è vangelo, giusto? :rofl:)

Beh… in effetti questa non è una cattiva idea… :wink:

Perché essere antifascisti significa essere di estrema sinistra?

Ciòe stai riducendo tutto il fenomeno dell’antifascismo ad un qualcosa relegato nei centri sociali e nei parirti di sinistra?

Io sono antifascista, ma i miei riferimenti sono Gobetti e Bruno Leoni, non davvero i comunisti.

6 Mi Piace

antifascismo è un etichetta di sinistra. Si.
un’etichetta. Non era nata per essere un’etichetta ma lo è diventata. Una maglietta che viene indossata da chi si posiziona in una certa area politica contro un’altra area politica. Non giriamo intorno alla questione…perfino mio zio, uscito dal campo di concentramento fatto per ragioni politiche, non la gradiva proprio per cosa era diventata.

1 Mi Piace

E’ nostro dovere, come Pirati, restituire alle parole il loro significato.

e liberarci dalle etichette

Anche io sono anti-fascista ma ho, tendenzialmente, idee da centro-destra. Si sta imponendo un’etichetta che non ha senso. Antifascisti = comunisti è sbagliato, così come anti-comunisti = fascisti lo è. Si può essere sia l’uno che l’altro senza passare per l’uno o l’altro.

Ed aggiungo: se si vuole una vera libertà di parola è necessario e primario combattere qualsiasi estremismo, i quali sono la fonte dei blocchi delle libertà (di parola in primis, ma non solo).

5 Mi Piace

I significanti servono per comunicare significati, @sarabiemme.
Dovresti rileggere 1984. Anche il Grande Fratello voleva liberare tutti dalle etichette.
Dall’ambiguità traggono vantaggio solo gli ipocriti.

E noi non siamo, ancora, Il Fronte dell’Uomo Qualunque.

1 Mi Piace

ma tu lo sai che il fascismo è finito nel '43? evidentemente il Partito Pirata non è così tanto per il futuro se ha bisogno di avere un etichetta del 1940…

Veramente tra le prime formazioni antifa troviamo le Schutzbund (Lega di difesa repubblicana) della socialdemocrazia austriaca, che non erano sinistra ma non estrema sinistra. In Italia tra i primi antifascisti c’è Gobetti, liberale. Nella resistenza, a dispetto della propaganda comunista, c’èrano cattolici, libertari, liberali tra cui Bruno Leoni ed Émile Channoux che sono sempre stati anticomunisti.

Ma qui siamo OT.

1 Mi Piace

Il fascismo è una mentalità ed un modo di essere oramai, non è più solo il “Partito Fascista”.

2 Mi Piace

Attenzione, non sono la fonte dei blocchi delle libertà, ma la scusa con cui vengono giustificati.

Per avere libertà di parola (e di pensiero) bisogna allenare l’attitudine al dialogo.
Dialogo che può solo esistere fra persone diverse.

1 Mi Piace

Feltri coglie alla perfezione il punto, “da sinistra”, ovvero in prospettiva non neoliberista, nelle ultime righe quando dice chiaro e tondo qual è il nocciolo della questione: facebook e instagram, aziende private ormai evolute a servizio pubblico.
Questo, e solo questo, è il punto "politico.

E in più, rilancio, mi sembra che in tutti i Partiti Pirati Europei la libertà d’espressione sia ai primissimi posti tra le priorità.
Riguardo questo tema mi limito a citarvi un punto di vista “di sinistra” (perché a me piace ancora definirmi di sinistra e spero che ci sia posto per gente di sinistra nel Partito Pirata, dove per sinistra intendo sinistra seria non decerebrati tipo di battista o potere al popolo) che voglio immaginare e sperare sia condiviso senza se e senza ma da tutti i membri del Partito Pirata.

“Goebbels was in favor of free speech for views he liked. So was Stalin. If you’re really in favor of free speech, then you’re in favor of freedom of speech for precisely the views you despise. Otherwise, you’re not in favor of free speech.”

Noam Chomsky.

5 Mi Piace

e qua ti volevo @Mark8!!! NON è il fascismo!! E’ il totalitarismo!

E lottare contro il totalitarismo, rubo le parole di Feltri, significa lottare contro la censura proprio verso chi non ci è gradito. Come coi diritti umani, è facile farli rispettare dove già esiste il rispetto. Il difficile è difenderli dove non esistono…

Dialogo che può solo esistere se vi è un terreno comune, con basi comuni, per il dialogo fra persone diverse.

Al momento ciò che manca sono le basi sul quale istituire un dibattito comune. E queste basi non mancano solo nei movimenti pseudo-totalitari ma anche qui e nella chat telegram, dove sono permessi insulti personali perchè, qualora venissero silenziate per x giorni quelle persone, si appellerebbero alla censura.

No, non funziona così. La libertà di parlare termina quando prevarica la libertà di parlare di un altro soggetto, la libertà di parlare non può essere assoluta.

1 Mi Piace

:rofl:

No.

Questo è tutto ciò che può cogliere chi non sa come liberarsi di Facebook.

Qui trovi due punti politici Pirata, se ti intererrano.

Oibò… e com’è che io mi ritrovo messaggi censurati a bizzeffe su questo forum?