Diversamente antifascista

Premesso che si parla di fascismo come esempio di totalitarismo, di cui il fascismo è stato la realizzazione italiana, essere antifascista è qualcosa di ben diverso del dire “Il fascismo non mi piace”, significa usare le proprie risorse (tempo, denaro, …) per evitare che il fascismo si affermi o per far sì che il fascismo cada.

L’antifascismo si è attuato nel tempo in forme diverse, dal non prendere la tessera quando il fascismo era in auge al combatterlo nella resistenza.

Come si crede oggi di combattere il fascismo? Scontrandosi con Casapoud o con Forza Nuova o con chiunque si dichiari fascista, magari con gli stessi metodi che il fascismo ha utilizzato.

Io no. Io lo combatto diversamente.

Lo combatto diversamente perché ho studiato il fascismo ed ho capito che mai CP o FN saranno in grado di portare il fascismo in Italia, potranno al massimo aggregarsi a chi porterà al potere il fascismo.

Lo combatto,cercando di raccontare come il fascismo è nato e come è arrivato al potere per permettere di individuare chi davvero è in grado di portare oggi il fascismo al governo in Italia.

Il fascismo ed il nazismo sono nati con programmi di sinistra o populisti rivolgendosi alle persone di sinistra::quello che noi chiamiamo partito nazista è il partito nazional socialista (tedesco) dei lavoratori, che si proponeva quindi di sinistra come a sinistra per quei tempi era il manifesto fondativo del partito fascista, il Manifesto dei Fasci Italiani di Combattimento pubblicato su “Il Popolo d’Italia” del 6 giugno 1919.

L’essenza dei partiti nazista e fascistaè l’essere partiti carismatici, in cui la dedizione degli aderenti permetteva all’uomo forte di fare il contrario di quanto aveva precedentemente affermato, senza per questo perdere un numero significativo di aderenti, permetteva di spostarsi dalle affermazioni di sinistra alle azioni di destra acquisendo nuove adesioni senza perdere le precedenti.

Tutto questo non c’entra nulla con CP e FN, che sono già a destra, e non hanno certo un capo carismatico. Puntare su di loro i riflettori crea un effetto di distrazione di massa, che piace a tutti, significa permettere a chi porterà il fascismo al potere di muoversi indisturbato, magari appoggiato da chi si dichiara antifascista, come gli ebrei che parteciparono alla marcia su Roma.

E lo combatto cercando di propagandare i miei valori, che sono l’opposto di quelli del fascismo, condannando i suoi metodi e per questo non usandoli per non legittimarli e lasciarli così in dono a chi vorrà usarli per conquistare il potere.

9 Mi Piace

Splendido testo. Politicamente lo condivido.

Saresti interessato a pubblicarlo, a tuo nome, sul sito internet?

Questo passaggio non mi è chiaro.

Potresti riformularlo?

Non ho problemi, ovviamente dovrei modificarlo molto (un testo decente deve essere rivisto almeno due volte) e farlo revisionare dal mio editor personale, ma vorrei essere certo di non creare problemi.

1 Mi Piace

E che problemi puoi creare?

  1. il tuo testo è scritto a titolo personale ed in prima persona
  2. non contraddice lo Statuto o il Manifesto

Questo GdL esiste per permettere a testi come questo di raggiungere tutti i Pirati.
Solo… aspettati risposte! :wink:

se posso essere sincero, dato il presente “momento social” sembrerebbe per il PP un’altra paraculata :slight_smile: avrebbe come risultato l’effetto contrario che si vuole dare.

fra una settimana, o forse meglio anche due o tre, perchè no?

2 Mi Piace

Considerazione interessante.

Potresti avere ragione, ma a quanto ho visto su Twitter nessuno ha considerato paraculi Gubello e Piana che hanno espresso posizioni del tutto analoghe a quelle che descrive @storno.

E comunque il diritto del pirata @storno di esprimere la propria opinione a titolo personale prevale su questo tipo di considerazioni.

Era quelloche intendevo con “vorrei non creare problemi”, visto anche come è stato accolto il post sulle FAQ Ma il bello di non far parte del gruppo, ma di collaborare soltanto, è quello di poter dire: “decidete voi” :slight_smile:

2 Mi Piace

Non c’è nulla da decidere: a titolo personale puoi scrivere sul sito pirata qualsiasi cosa non contraddica lo Statuto e il Manifesto.

Noi siamo solo un canale a servizio tuo e di qualunque altro Pirata, GdL o gruppo territoriale ne abbia bisogno. E siamo anche a servizio della Assemblea Permanente ovviamente.

1 Mi Piace

ti spiego shamar, io non vedo nessuna fretta nel dover pubblicare questa cosa…
se hai letto i commenti al post su facebook delle FAQ poi capirai ancora meglio cosa voglio dire…

la prima domanda prima di pubblicare una cosa dovrebbe essere: SERVE VERAMENTE PUBBLICARE QUESTA COSA?

Io penso che il testo di storno ne guadagnerebbe se venisse pubblicato più in la, adesso rispondendo alla domanda qui sopra, non vedo nessuna necessità nella pubblicazione di un articolo di questo tipo, soprattutto in questo particolare periodo…

io se avessi scritto lo stesso testo di storno, non lo pubblicherei oggi, ma lo farei pubblicare fra almeno 2 settimane.
anzi sarebbe un ottimo materiale da utilizzare in un “giorno morto” per le pubblicazioni social (con questo non sto screditando eh, :slight_smile: ), è un idea anche raccogliere testi di questo tipo (data la loro lunghezza “non proprio da social”), e pubblicarli quando si vorrà farlo.

PS: ad esempio un testo del genere, se approvato da tutti, sarebbe interessante vederlo pubblicato da tutti i canali social del partito.

@marcat90 stiamo parlando del sito internet, non di Facebook.

Un passo alla volta. Lasciamoglielo scrivere questo testo.
Poi decideremo da dove linkarlo e quando.

Non deve essere necessariamente un testo votato da tutti.
Se @storno vuole farlo approvare da tutti, lo proporrà all’Assemblea Permanente in Organizzazione e Priorità e, se approvato, lo pubblicherermo a nome del Partito Pirata

Ti prego, rileggi attentamente l’atto costitutivo del GdL Comunicazione Pirata.
Questo GdL si atterrà scrupolosamente a quelle norme.

10 messaggi sono stati spostati in un nuovo Argomento: [Meta] [Faq] Come funziona il GdL Comunicazione Pirata?

Per me può andare live anche subito.

Battere il ferro finché è caldo.

1 Mi Piace

Un messaggio è stato spostato in un nuovo argomento: Il fascismo e il nazismo sono nati a sinistra?

Un messaggio è stato unito ad un Argomento esistente: Obiezioni al post di storno, ovvero stare attenti a confondere idee con fatti

Come ho detto devo rivederlo e sottoporlo al mio editor prima di rilasciarlo.

1 Mi Piace

Concordo in buona parte. Ho letto un pò in merito a questa diatriba e francamente non riesco a capire tutta questa volontà di proclamarsi antifascisti. Tutta questa voglia di identificarsi in un qualcosa.

Secondo me il PP deve porsi oltre questi stereotipi. Vi faccio un esempio:

Mio bisnonno era definito un antifascista. Lui ci sparava per davvero ai nazifascisti. Ha combattuto la battaglia di gravellona toce. Ma non si è mai definito un antifascista, e non gli è mai piaciuto essere definito tale. Lui si definiva italiano. Ha contribuito con le armi alla creazione della repubblica partigiana dell’ossola.

In 40gg di esistenza, in questa piccola repubblica sono state redatte riforme ad orientamento democratico che hanno poi ispirato la nostra costituzione.

Chi, come, perchè?

Nella giunta vi erano socialisti, comunisti, antifascisti indipendenti, democristiani, membri del partito d’azione. Italiani in primis, gente che voleva essere libera ed identificarsi sotto una bandiera, che non volevano identificarsi in un’ideale, perchè gli ideali in cui credere sono già tutti nella bandiera italiana.

Definirsi antifascista oggi, lo vedo alla strenua di chi si definisce fascista, ovvero una persona che vive nel passato con la paura di andare oltre.

Questo credo sia necessario avere chiaro oggi, bisogna andare oltre. Oltre gli stereotipi, oltre le divisioni. Se si vuole le cambiare le cose, è perchè così, come attualmente sono, non funzionano. Come possiamo pensare di cambiarle rimarcando il passato e facendo ulteriori divisioni?

Francamente penso che, se nel 2019, all’alba del 2020, dobbiamo ancora perdere tempo a discutere cosa vuol dire essere antifascista, dobbiamo rispondere articolando una riforma ben strutturata del sistema scolastico, perchè è chiaro che così com’è impostato non funziona, non serve fare dichiarazioni basate sull’ovvietà.

2 Mi Piace

Io non vado in giro a proclamarmi antifascista. Ho di meglio da fare! :rofl:

Ma se qualcuno dice che “non sono antifascista”, sono costretto a smentirlo.

Io combatto il fascismo, il comunismo, il capitalismo e qualsiasi altro totalitarismo.
Lo faccio con le armi tipiche della democrazia: il dialogo, l’ascolto e la diffusione di cultura.
Ma combatto apertamente qualsiasi forma di oppressione, violenta, economica o sociale, che impedisca agli esseri umani di essere pienamente sé stessi.

2 Mi Piace

penso che questo debba essere la base per un post da pubblicare su fb

3 Mi Piace

Sul sito! E a titolo personale. Poi lo linkiamo da Facebook! :wink:

Hai ragione. Fammi però prima aiutare @exedre con la sua denuncia.
Questo può aspettare anche lunedì, se serve.

1 Mi Piace

Ho modificato un poco il testo, sulla base di quello che hai scritto.

Per me il vero problema non è essere o meno antifascisti, è riuscirlo a riconoscere in tempo prima che arrivi al potere, che si chiami fascismo (parola che qui in Italia equivale totalitarismo) o si presenti sotto altro nome.

A mio avviso oggi non c’è questa capacità, secondo me siamo appena usciti da un governo che stava per instaurare il fascismo.

1 Mi Piace