Soft skill

Giuro che dal vivo sono una persona simpatica… la maggior parte del tempo

1 Mi Piace

L’esempio è uno strumento educativo/selettivo molto efficace.

Per fortuna, qui non sembriamo la famiglia mulino bianco! :relaxed:

Scherzi a parte, non capisco cosa intendi: le due frasi mi sembrano in contraddizione diretta.

Anche a me è venuta in mente la vecchia barzelletta di Bill Gates che muore.

China pericolosa: si rischia di attribuire opinioni e comportamenti a persone che non esistono. E anche di contarle.

Ciò che non è osservato, è ignoto. :wink:

1 Mi Piace

Credo di essere stato eccessivamente sintetico: messa sotto forma di affermazione anziché di domanda volevo dire che l’immagine che il partito presenta all’esterno effettua già una selezione fra chi vuole partecipare. Penso che un partito come il pirata attragga persone dotate di hard skill (informatico), mentre un partito come Casapound allontani persone dotate di soft skills. Ma questo non ha importanza.

Quello che è importante è quello che hai detto, che nelle aziende si traduce così:

  • mantenere un cliente costa 10, sostituirlo con un altro 100 -fare manutenzione costa 10, sostituire un’apparecchiatura 100

E’ un dibattito ce si tiene da tempo quello sui meccanismi per cui il PP-IT viene abbandonato. Le opinioni sono varie, finora ha prevalso quella di lynX: i litigi e questo ha dato luogo a modifiche organizzative coerenti.

Le mie opinioni sono differenti:

  • Il primo impatto è quello di trovare un partito diverso da quello che mi aspettavo. Tempo fa ci fu un tentativo [abortito] di verificare se l’immagine proiettata all’esterno fosse coerente con quella che aveva l’interno. Con l’arrivo dei nuovi saliti a bordo mi sembra importante verificare la loro idea di PP-IT

  • L’altro meccanismo è la mancanza di attività: chi partecipa vorrebbe fare qualcosa, vedere un partito impotente induce le persone ad andarsene per non perdere tempo. E qui bisognerebbe lanciare dei progetti da portare avanti tramite Gruppi di Lavoro

1 Mi Piace

Quello che volevo dire é che ogni struttura, che sia partito o azienda propaganda dei valori. Nel momento in cui i valori propagandati non corrispondono ai valori praticati la struttura si ritrova a premiare e a far salire nella sua scala gerarchica persone che non li rispettano. Esiste un punto di non ritorno, dove il salto tra ció che si pratica e ció che si propaganda é talmente alto da provocare la distruzione della struttura, ma prima di questo, tutti quelli che sinceramente seguivano quei valori se ne sono giá andati da una vita. Un esempio potrebbe essere il favoloso percorso che ha fatto l’Italia Dei Valori.

Sbagliato. Intanto le persone che se ne vanno esistono ed é possibile contarle, si fa cosí:

prendi l’elenco di chi voleva iscriversi, e conti col dito chi non si é iscritto, te lo scrivi su un foglio e metti a fianco il segno “+”. poi prendi l’elenco degli iscritti precedenti e conti col dito chi non ha rinnovato, scrivi il numero in colonna e metti a fianco il simbolo “=”. Poi sommi i due numeri, facendo attenzione al riporto.

Spero che apprezzerai l’algoritmo. Non garantisco sul risultato, non l’ho testato. Puoi usarlo, lo rilascio sotto GPL. :stuck_out_tongue:

Ma il mio ragionamento non é di contarle, né di attribuirgli un’opinione, é di ragionare sulla possibile rimozione degli ostacoli che le mandano via. O meglio, se sono passate di qui per sbaglio, va bene se le lasciamo andare. Quelle che non dovrebbero essere “lasciate andare” sono quelle che noi invece immaginiamo parte di noi, che non sarebbero dovute andare via.

Io ho fatto le mie ipotesi, ma non pretendo di avere la soluzione in mano, il post é mirato proprio alla riflessione, non ha alcuna pretesa.

3 Mi Piace

mangi la mia stessa pastasciutta

1 Mi Piace

Ah, se stiamo parlando di iscritti che non rinnovano la tessera, sono d’accordo. Bisognerebbe sicuramente chiedergli perché ci lasciano!

In linea con questo post, avevo inteso che tu facessi riferimento a coloro che si avvicinano a questo partito, leggono un po’ il forum e poi decidono di andare via perché non vi trovano ciò che si aspettavano.

Per questo dicevo “china pericolosa”. E’ un po’ ciò che contestavo ad @exedre qualche tempo fa: l’unico modo per interpretare l’opinione di 60000 persone che hanno votato il partito pirata, è trovare il modo di chiedergliela.

Tu quoque, Brute, fili mi! :smile:

Gli algoritmi non sono soggetti al diritto d’autore, e credo non vi sia sufficiente originalità creativa da giustificare la protezione giuridica di un brevetto nemmeno negli stati uniti (l’attribuzione sì… ma cosa vuoi… so’ mmericani! :smiley:)

Io sono assolutamente d’accordo.

Ma per rispondere alla tua domanda, anzitutto, bisogna decidere chi sono i pirati.

Prima ancora bisogna decidere chi lo decide :smile:

2 Mi Piace

Oppure apriamo il vocabolario? :stuck_out_tongue_winking_eye:

I pirati sono quelli che si iscrivono

Scusami, ma allora davvero non ho capito lo scopo di questo thread.

Secondo quale criterio possiamo scegliere i soft skill adatti ad una comunità pirata se per definizione sono pirati solo i membri di questa comunità?

Non diventa una domanda dalla risposta scontata? I soft skill necessari sono quelli presenti.

La comunità è sempre perfetta. Ed è la migliore comunità che possiamo avere.

1 Mi Piace

almeno una comunità l’abbiamo

1 Mi Piace

Su questo forum direi di sì.

Ma siamo veramente pochi.

effettivamente raga come è possibile che nei centri sociali (alla quale struttura io un tempo ne feci parte) della quale fanno parte ragazzi delle superiori e studenti universitari siano piu coesi e incisivi di noi (inteso come gruppo di ultra tecnici competenti o mega-acculturati e stagionati)

2 Mi Piace

@LucasSharinov la differenza è che i centri sociali sono attivi sul territorio, a differenza del partito pirata…

2 Mi Piace

Perché i centri sociali hanno nemici.

AIA SCOTTA, questa è un ottima risposta soldato; ED E QUI DOVE VI VOLEVO; COME FACCIAMO AD avere come nemici multinazionali, sorveglianti e agenzia segrete straniere senza passare per l’infamante etichetta di complottisti moderati?

2 Mi Piace

No. Perché hanno una identità.

Avere un nemico è solo il modo più facile per generarla. Una forza esterna che orienta tutte le attività ad un unico scopo. Meglio ancora se il nemico è fittizio così non si rischia né di vincere né di perdere.

Una identità basata su valori è più difficile da costruire ed è più fragile, ma è molto più costruttiva.

1 Mi Piace

sai il paradosso; CHE QUI ABBIAMO UN FOTTIO DI COSE IN COMUNE ma un po perche sul pp si invecchia cercando disperatamente di trovare il dettaglio sul quale essere in disaccordo, un po perche il PP è un partito di wannabeunicoediverso,come del miele per orsi; ma NOI CE L’ABBIAMO GIA UNA MATRICE COMUNE

Ok, ma quale?

(e poi, noi chi? :wink:)

1 Mi Piace

ok forse è una mia distorsione, perche non so voi, ma riesco a trovare tutti i punti, posti da tutti, corretti dai rispettivi punti di vista e sinceramente non sopporto vedere persone in disaccordo che secondo me andrebbero d’accordo

2 Mi Piace